Report_AII-FORA online Side-Event “PMI verso l’Economia Circolare” 12 maggio 16:00 – 18:00

I Fora delle Camere di Commercio, delle Università e delle Città dell’Adriatico e dello Ionio e i loro membri, in collaborazione con Iniziativa Adriatico-Ionica – Presidenza della Repubblica di Slovenia, hanno organizzato tre Side-Events online nell’ambito del 6° Forum EUSAIR.

I webinar hanno analizzato e discusso tre temi principali: cambiamento climatico, economia blu ed economia circolare. Il Webinar “PMI verso l’economia circolare”, che si è tenuto il 12 maggio, è stato organizzato in collaborazione con la Camera di Commercio delle Marche e la Camera dell’Economia di Spalato

Il piano d’azione per l’economia circolare è al centro del Green Deal europeo, la tabella di marcia dell’UE verso la neutralità climatica. È fondamentale aiutare le imprese ei consumatori europei a compiere la transizione verso un’economia più forte e circolare in cui le risorse siano utilizzate in modo più sostenibile. L’attuazione di questo piano, che mira a rendere l’economia più pulita e più competitiva, avrà un impatto sulle PMI attraverso: misure per rafforzare la gestione dei rifiuti, misure sull’utilizzo di materie prime critiche e supporto per attuare strategie e pratiche di economia circolare. Le PMI incontrano maggiori difficoltà nell’adottare tali strategie e pratiche, a causa: della loro capacità organizzativa, tecnologica e finanziaria più limitata; e minore accesso al (pre) finanziamento per soluzioni circolari. L’evento, organizzato in collaborazione con la Camera di Commercio delle Marche e la Camera dell’Economia di Spalato, si propone di approfondire il quadro del Green Deal con particolare riferimento all’economia circolare in alcuni paesi EUSAIR, attraverso percorsi di formazione e sostegno alle imprese e buone pratiche di progetti europei, iniziative territoriali e attività imprenditoriali di economia circolare.

 

Il Webinar “Le PMI verso l’Economia Circolare”, che si è tenuto il 12 maggio alle ore 16:00, è stato organizzato in collaborazione con la Camera di Commercio delle Marche e la Camera dell’Economia di Spalato, e ha avuto l’obiettivo di approfondire il quadro del Green Deal con riferimento all’economia circolare in alcuni paesi EUSAIR, attraverso percorsi di formazione e sostegno alle imprese e best practice di progetti europei, iniziative territoriali e attività imprenditoriali di economia circolare

A moderare il dibattito , Elena Gentilini, Progetto Arcadia.

 

L’incontro si è aperto con i saluti del Presidente della Camera di Commercio delle Marche e del Forum delle Camere di Commercio dell’Adriatico e dello Ionio, Gino Sabatini, che ha salutato tutti i partecipanti all’ultimo dei tre Side-Events organizzati dal Forum con AII e la Presidenza slovena. “L’economia circolare è sempre stata un tema chiave nel campo dell’economia globale. E ancora di più ora, dopo la pandemia, è un tema centrale, dal quale dovremmo iniziare a ricostruire le nostre attività economiche. Vorrei citare l’ultimo Symbola Report in cui l’Italia appare come uno dei Paesi con la più alta percentuale di merce riciclata (79%), più della metà rispetto alla media europea; migliorando la sua già buona performance dell’8,7% dal 2010 al 2018 ”. Il Presidente Sabatini ha anche ricordato l’importante riconoscimento ricevuto dalla Vice Presidente della Camera dell’Economia Croata per le Costruzioni e Trasporti – ed Ex Presidente del Forum delle Camere di Commercio dell’Adriatico e dello Ionio – Mirjana Čagalj a cui è stato conferito il titolo onorifico di Ambasciatore di Strategie macroregionali durante il 6° EUSAIRForum.

 Joze Tomas (Presidente della Camera dell’Economia Croata, Camera della Contea di Spalato), dopo aver salutato tutti i partecipanti, ha osservato “Sono contento che, nonostante i limiti legati alla pandemia, siamo riusciti a realizzare e in collaborazione con i nostri colleghi e amici della Camera delle Marche questo webinar su un tema così importante e comune dell’economia circolare. Pertanto, sono particolarmente lieto di poter annunciare come esempio di buona pratica dalla Croazia la presentazione del progetto degli studenti dell’Università di Spalato, che hanno progettato un sistema innovativo che contribuirà alla protezione e alla conservazione del mare. Vorrei cogliere l’occasione per congratularmi con il Vice Presidente della Camera di Economia Croata ed ex Presidente del Forum delle Camere di Commercio Adriatico-Ioniche, Sig.ra Mirjana Čagalj, per l’importante riconoscimento e titolo onorifico di Ambasciatore delle strategie macroregionali “.

 

L’ambasciatore Milan Jazbec  (Presidente in carica dell’AII, Ministero degli Affari Esteri della Repubblica di Slovenia) ha sottolineato l’importanza delle attività svolte dai Fori della Società Civile (Camere di Commercio, Città e Università). Il pianeta Terra come risorse limitate ed è per questo che l’Economia Circolare è fondamentale e uno degli argomenti più importanti da discutere. “Questo è l’ultimo evento della Presidenza slovena e sono molto lieto di concluderlo qui con voi. È stata una splendida esperienza e un immenso piacere, e spero che presto potremo vederci di persona“.

L’ambasciatore Fabio Pigliapoco (Segretariato Permanente Iniziativa Adriatico Ionica) ha poi confermato che la Segreteria AII è al fianco dei Fora, a supporto delle loro iniziative, poiché essi sono infatti il cuore e il sangue della Strategia EUSAIR e il loro lavoro è prezioso. Questo è il motivo per cui l’AII è stata felice di includere questi eventi nel quadro del V EUSAIR FORUM e ora nella 6a edizione del Forum EUSAIR. Amb. Pigliapoco ha ricordato ai partecipanti che le due Camere di Commercio che hanno organizzato l’evento sono i due padri fondatori dei Fora e si è dichiarato molto grato ad entrambi. Si è quindi rivolto all’Amb. Jazbec “ Abbiamo vissuto 12 mesi di perfetta collaborazione; grazie per la sua amicizia e per il calore che caratterizza il suo modo di lavorare. “

 

La prima parte del Webinar si è concentrata su The European Green Deal e l’economia circolare – il contesto europeo e EUSAIR; L’incontro è stato aperto da María Rincón Liévana (Commissione UE, DG ENV, Team Leader Piano d’azione per l’economia circolare “Un nuovo piano d’azione per l’economia circolare per un’Europa più pulita e competitiva”) , che ha presentato il Green Deal nell’agenda della Commissione europea. “C’è un solo pianeta Terra, ma entro il 2050 il mondo consumerà come se ce ne fossero tre”. Le iniziative e la legislazione dell’UE affrontano già in una certa misura gli aspetti della sostenibilità dei prodotti, su base obbligatoria o volontaria (in particolare, la direttiva sulla progettazione ecocompatibile o strumenti come il marchio Ecolabel UE oi criteri per gli appalti pubblici verdi dell’UE (GPP)). Dare potere ai consumatori e fornire loro opportunità di risparmio sui costi è un elemento fondamentale del quadro della politica dei prodotti sostenibili. Per migliorare la partecipazione dei consumatori all’economia circolare, la Commissione proporrà una revisione del diritto dei consumatori dell’UE per garantire che i consumatori ricevano informazioni affidabili e pertinenti sui prodotti nel punto vendita, anche sulla loro durata e sulla disponibilità di servizi di riparazione, ricambi e manuali di riparazione: l’economia circolare rimane una priorità negli ultimi risultati del Green Deal europeo.

 

La seconda sessione del webinar è stata dedicata a Come promuovere l’innovazione per l’economia circolare nelle PMI: Marco Botteri (Ecocerved Scarl “Il ruolo delle Camere di Commercio Italiane nell’economia circolare) ha presentato Ecocerved, la società consortile del sistema camerale italiano che opera nel settore dei sistemi informativi per l’ambiente.

Ecocerved opera come partner delle Camere di Commercio e delle Pubbliche Amministrazioni, nella raccolta, gestione, elaborazione e divulgazione di dati ed informazioni sull’impatto ambientale delle attività economiche. L’ attività si articola su quattro linee fondamentali:

  • trasferimento di dati e informazioni dal mondo dell’impresa alla Pubblica Amministrazione;
  • assistenza tecnica, formazione e sensibilizzazione nei confronti delle imprese;
  • gestione e analisi dei dati per conto della Pubblica Amministrazione ;
  • comunicazione dell’informazione elaborata al sistema socio-economico

Djana Varlec (Camera croata dell’economia “Il ruolo della Camera croata nell’economia circolare) ha affermato che la maggior parte delle attività svolte dalla Camera dell’economia croata sono definite nel Piano di gestione dei rifiuti della Repubblica di Croazia per il periodo 2017- 2022. La gestione dei rifiuti è un argomento importante per il CCE da oltre 15 anni. Ha fornito una panoramica delle attività svolte all’interno dell’economia circolare con l’obiettivo di istituire uno scambio di rifiuti in cui le aziende possono scambiare informazioni sulla domanda e offerta di materiali di scarto, attività di formazione per le aziende, premio nazionale sulla responsabilità sociale d’impresa e promozione delle politiche dell’UE. CCE è anche membro del Comitato nazionale per gli appalti pubblici verdi.

 

Dragica Marinič (Camera di commercio e industria di Štajerska “Strategic Research and Innovation Partnership – SRIP) ha presentato la Strategia di specializzazione intelligente della Repubblica di Slovenia per intensificare in modo significativo la cooperazione tra le parti interessate dell’innovazione slovene che operano in aree prioritarie specifiche (attraverso il processo di scoperta imprenditoriale) . SRIP- economia circolare è un partenariato / cluster pubblico-privato sostenibile a lungo termine, ecosistema dell’innovazione con 87 membri: 56 aziende / PMI grandi, 16 R&DS, 13 ONG, 3 camere. Il suo obiettivo principale è fornire networking e collaborazione nelle catene del valore per l’ingresso nel mercato globale.

 

La terza e ultima sessione, dedicata a Best practice – Progetti europei, iniziative territoriali e attività imprenditoriali di economia circolare, si è aperta con Paolo Baldoni (Garbage Group, “Pelikan, cleaning the sea. Un sistema condiviso di know-how e tecnologia per la difesa dell’ambiente ”) che ha prestato molta attenzione ai cambiamenti che stanno avvenendo nell’ecosistema marino. Ha presentato il loro Sistema Antinquinamento: un’organizzazione forte e solida che fornisce servizi di pulizia e trattamento relativi all’inquinamento marino e anche servizi di controllo e pattugliamento. In particolare, hanno implementato un nuovo tipo di barca in grado di pulire il mare e il loro obiettivo è quello di rendere disponibili 1000 unità in tutto il mondo nei prossimi 5 anni. Hanno creato il BER (Blue Economy Research), un ente a composizione mista pubblica e privata, in grado di realizzare progetti innovativi e sostenibili nel mondo marittimo e portuale.

 

Antonija Buzov (Università di SpalatoFacoltà di Economia “Presentazione del CBRO – un amico del mare) ha presentato un dispositivo innovativo per il campionamento di microplastiche sulla superficie del mare progettato da un gruppo di studenti di varie facoltà dell’Università di Spalato. Hanno chiamato il dispositivo CBRO – un amico dei mari e la differenza tra dispositivi simili è che CBRO può essere azionato a distanza. Il dispositivo è in fase di prototipazione.

 

 Lorenza Natali (Camera di Commercio delle Marche “Progetto COSME CEnTOUR, Circular Economy in Tourism) ha presentato il progetto europeo CEnTOUR Circular Economy in Tourism, che si occupa dell’introduzione dei principi di Circular Economy nelle PMI del settore turistico, con l’obiettivo di diffondere una modello di sviluppo più sostenibile, in termini di trasferimento di conoscenza, innovazione e certificazioni. Gli obiettivi principali del progetto sono: Collegamento tra la competitività del settore turistico e la sua sostenibilità, poiché la qualità delle destinazioni turistiche è fortemente influenzata dal loro ambiente naturale e culturale e dalla loro integrazione in una comunità locale; l’adattamento delle aziende turistiche europee verso modelli di business più sostenibili, a basse emissioni di carbonio ed efficienti sotto il profilo delle risorse fornisce un vantaggio competitivo creando importanti risparmi sui costi e migliorando la qualità dell’offerta turistica; CE può creare nuovi posti di lavoro e opportunità.

 

Infine, Ioannis Daskalopoulos / Anna Zerva (Camera di Ioannina, “Il contributo delle Camere greche e italiane all’economia circolare: Progetto“ Circle-IN ”- Interreg Grecia-Italia), ha sottolineato la missione del Progetto “ Circle- IN ” , cofinanziato dal Programma Interreg VA Grecia-Italia 2014-2020 e finanziato nell’ambito dell’Asse prioritario 1 – Innovazione e Competitività, basato sul concetto di Economia Circolare. Il Progetto promuove l’Economia Circolare, i rispettivi processi innovativi e beneficia della sua applicazione e aiuta imprenditori e imprese a cogliere le opportunità rilevanti. Sono disponibili una piattaforma di rete, un sito Web e un punto informativo per fornire maggiori informazioni sull’economia circolare e sul progetto stesso.

Il dibattito proseguirà nel gruppo creato all’interno della Stakeholder Platform, in cui saranno caricate le presentazioni dei relatori e la registrazione dell’evento.

Qui , le presentazioni deI Relatori:

BALDONI

LIEVANA

BOTTERI

NATALI

MARINIC

VARLEC

BUZOV

ZERVA